Google interrompe il supporto a Picasa per Linux e altri progetti

Una brutta notizia per tutti gli amanti del pinguino è rimbalzata in rete da qualche ora: Google ha annunciato che sta iniziando un nuovo giro di chiusure e interruzioni di alcuni progetti o applicazioni. Questa volta, purtroppo, è anche il turno di Picasa per Linux. Lanciato nel 2006, Picasa per Linux era in realtà una versione per Windows di Picasa in esecuzione su Linux grazie all’utilizzo di WINE, famoso programma in grado di emulare le applicazioni native Windows sui sistemi Linux. Picasa, per chi non lo sapesse, non è open source.

Google aveva promesso di mantenere la versione compatibile ma ha appena sottolineato che “è diventato difficile mantenere la parità della versione Linux”. Gli attuali utenti di Picasa su Linux saranno in grado di continuare ad utilizzare la versione attuale ma, in futuro, le nuove release saranno prettamente sviluppate per essere funzionanti con i sistemi Windows. La versione più recente di Picasa per Linux era 3.0 Beta. Gli utenti che cercano una valida alternativa a Picasa per Linux potranno trovare conforto in Gwenview, digiKam o Shotwell, che offrono anche tutte le funzionalità che servono per il caricamento delle immagini in Picasa Web Album.

Altri progetti in programma di essere cessati a breve da Google sono l’app mobile di Google Talk, il sistema di pagamento One Pass, Google Sync per BlackBerry e Google Releated.

3 Commenti

  1. Stefano Petroni

    Ma dai picasa non è nulla di speciale..Reputo digiKam nettamente superiore..
    Però mi chiedo una cosa..Se l’attuale gira con wine è molto probabile che ci girino anche le future con facilità o no?

    Rispondi
    • Teo

      Infatti: visto che la versione per Linux era già prima Picasa per windows inglobato in Wine, tanto vale scaricarsi la più recente versione che esista per Win e installarsela con la più recente versione di Wine :)
      Anzi, considerando che Picasa per Linux era indietro come funzionalità, penso che chi lo usi quotidianamente abbia fatto questa cosa da tempo.

      Rispondi
  2. Alessio

    Big G mi ha veramente deluso…Da precisare che android è sviluppato su base linux e google fa dei gran bei soldoni che senza l’esistensa del kernel linux si sarebbe sognata, che pena pensano solo a fare soldi -.-’

    Rispondi

Rispondi