[Inkscape Tutorial] Creare riccioli in stile tribal

Ciao a tutti e benvenuti in questo mio primissimo tutorial,  in cui tratteremo la creazione dei riccioli in stile “tribal” (come quello di molti tatuaggi) tramite Inkscape, un programma per creare immagini vettoriali. Inkscape è opensource, gratuito e  multipiattaforma (Linux, Mac e Windows). Potrete scaricarlo direttamente dal suo sito ufficiale.

Cominciamo aprendo il programma e cercando la barra degli strumenti – che contiene, appunto, tutti gli strumenti principali – posizionata a sinistra dell’area di lavoro (o area di disegno).

Barra degli strumenti

Selezioniamo lo strumento “Tracciato” (oppure, se preferite i tasti rapidi, premete Maiusc+F6 ), in assoluto uno degli strumenti che probabilmente utilizzerete più spesso.

Disegna tracciato

Una volta selezionato “Tracciato” noterete che la barra superiore, detta “Barra Controllo strumento”,  è cambiata: contiene ora varie opzioni relative allo strumento “Tracciato”. Tra queste opzioni selezioniamo “Crea Tracciato Spiro” – che consente la creazione di bellissime curve a spirale – e, sempre nella stessa Barra, di fianco alla voce  “Forma” selezioniamo “triangolo crescente“,  come mostrato nella figura sotto.

Spostiamoci con il mouse sull’area di lavoro e tracciamo delle linee curve. Per farlo schiacciamo con il tasto sinistro in un punto del foglio (definendo cosi un nodo) e, tenendolo sempre premuto il tasto, muoviamo il mouse (definendo così una tangente).

Togliamo il dito dal pulsante del mouse e ripetiamo un’altra volta l’operazione precedente di definizione del nodo e della tangente: così facendo abbiamo definito il primo tratto del nostro tracciato.

Ripetiamo questa operazione varie volte per creare i tratti successivi finché non otterremo una linea delle dimensioni e della forma desiderate.

Per interrompere la creazione del tracciato schiacciamo il tasto destro del mouse dopo aver definito l’ultimo nodo e la relativa tangente. Subito dopo aver finito di creare il tracciato, la linea verrà modificata automaticamente dall’opzione “Tracciato spiro” che la trasformerà in una linea che ha meno cambi di curva possibili, passante per i nodi da noi definiti, il che rende quindi tutto molto omogeneo. Notiamo anche come l’opzione della forma “Triangolo crescente” abbia modificato lo spessore di questa linea in tutta la sua lunghezza, partendo da un punto iniziale molto spesso ad uno finale molto sottile.

L’utilizzo dell’opzione “Tracciato spiro” ha lo svantaggio di modificare notevolmente il tracciato disegnato, rendendo quindi molto difficile prevedere in fase di creazione quale sarà il risultato finale. Non vi preoccupate, però,  a questo punto entra in gioco lo strumento “Modifica tracciati dai nodi” (tasto di scelta rapida F2). Selezionatelo dalla barra degli strumenti (o premete F2).

Strumento "Modifica Tracciato" (F2)

Una volta selezionato noterete la comparsa di alcuni quadratini sul tracciato: sono i nodi precedentemente creati durante il disegno del tracciato.

Nodi sul tracciato selezionato. Le tangenti con l'opzione spiro non vengono considerate.

Clicchiamo sopra i nodi e spostiamoli con il mouse finché non otteniamo la forma desiderata.Se vogliamo aggiungere un ulteriore nodo tra due nodi adiacenti selezioniamo un nodo e, tenendo Maiusc premuto, selezioniamone un altro, dopodichè  andiamo nella “Barra Controllo Strumento” e schiacciamo su “Inserisci Nuovo Nodo”.

Aggiungi nuovo nodo

Ok, i riccioli ci sono, ma l’effetto tribal?

Qualche passo fa avevamo selezionato nel menù forma il triangolo crescente, che è alla base della variazione dello spessore del tracciato. Possiamo modificare questo parametro in maniera da creare quelle che io chiamo “doppie punte”.

Con selezionato il nostro tracciato andiamo nel Pannello di controllo (òa barra più in alto) e sotto “Tracciato” selezioniamo  “Editor effetti sul tracciato”.

Menu Tracciato con selezionata la voce "Editor effetti su tracciato"

Alla nostra destra si aprirà una sottofinestra dove, alla voce “motivo sorgente” in “Motivo lungo il tracciato”, dovrete selezionate l’icona per la modifica del tracciato, che qui viene chiamata “Modifica sul disegno”.

Sottofinestra "Editor effetti sul tracciato" con evidenziato "Modifica disegno"

Nella nostra area di lavoro sono comparsi dei nuovi nodi su un nuovo piccolo disegno: in realtà quello che vediamo è il nostro “Triangolo crescente”  precedentemente impostato.

Particolare del triangolino (in alto a sinistra) e dei suoi nodi

Modifichiamolo e guardiamo come dinamicamente si modifica il tracciato principale. Per aggiungere al triangolino nodi, oltre al metodo precedentemente utilizzato, è possibile usare un doppio click del mouse sulla linea tra due nodi esistenti.

Effetto ottenuto modificando quello che una volta era il nostro "Triangolo crescente"

Possiamo cambiare colore al nostro ricciolo selezionando uno dei colori dalla lista sottostante l’area di lavoro.

Tavolozza colori posizionato sotto la nostra area di disegno

Potete sbizzarrirvi aggiungendo riccioli di ogni forma e colore.

Un ultimo appunto: se proviamo a copiare un ricciolo (Ctrl+D) e a rifletterlo, per esempio orizzontalmente (tasto scelta rapida H), noterete che in realtà si ottiene un ricciolo non simmetrico rispetto al precedente. Questo perché, mentre la forma del ricciolo viene ribaltata correttamente, il suo motivo sorgente è rimasto inalterato, risultando quindi applicato al contrario rispetto al nuovo ricciolo. Non vi preoccupate, per correggere questo comportamento selezionate il nuovo ricciolo, andate nella sua sottofinestra per “l’editor degli effetti sul tracciato“, selezionate la solita icona  “modifica disegno” e, tenendo premuto il tasto sinistro del mouse, tracciamo un riquadro di selezione che contenga tutti i nodi del motivo sorgente. A questo punto, se precedentemente avete ribaltato il ricciolo orizzontalmente, ribaltate il suo motivo sorgente in verticale (tasto scelta rapida V), viceversa se il ricciolo è stato ribaltato verticalmente.

Bene! Con questo tutorial abbiamo finito, spero vi sia piaciuto e che vi sia utile; mi raccomando, fate tante prove e sperimentate il più possibile: con questo programma si impara provando (divertendosi anche di più).

Alla prossima!

2 Commenti

  1. Paolo

    Fanne degli altri su inkscape!!

    Rispondi
  2. Manuel

    Come hai fatto a metterlo in italiano?
    Bel tutorial, spero che ne farai altri :)

    Rispondi

Rispondi