Sergey Brin si chiarisce: "Ho molta ammirazione per Apple e Facebook"

Incredibile ma vero: a meno di 24 ore dall’intervista in cui affermava che il futuro di Internet fosse in pericolo a causa delle rigide regole e politiche di Apple e Facebook, Sergey Brin fa dietrofront. Il co-fondatore di Google dice che i suoi pensieri sulla libertà di Internet sono stati “distorti” o mal interpretati e non è affatto vero che egli prova avversità verso Facebook e Apple.

In un post condiviso sul proprio profilo Google+ questa mattina, Brin fa marcia indietro sulla sua critica rivolta a Facebook e Apple, dicendo che l’articolo era “un breve riassunto di una lunga discussione”:

Per chiarire, non credo che questi problemi siano al pari con la censura dei governi. Inoltre, ho molta ammirazione per due delle società di cui abbiamo parlato — Apple e Facebook. Ho sempre ammirato i prodotti Apple. Infatti, scrivo questo post da un iMac e uso una tastiera Apple che ho amato per gli ultimi sette anni. Allo stesso modo, Facebook ha aiutato a collegare centinaia di milioni di persone, è stato uno strumento chiave per l’espressione politica e per la Primavera Araba. Entrambi hanno dato grandi contributi al flusso libero d’informazione intorno al mondo.

Ma sarà davvero così? Oppure è semplicemente un intervento volto a “riparare” un po’ le pesanti dichiarazioni rilasciate il giorno prima? Diteci la vostra!

via

3 Commenti

  1. Undrel

    Secondo me è proprio per “riaggiustare” il tiro di quanto detto ieri, mi sa
    E, a parte quel k dice, Facebook non penso k avvia delle regole rigide che vanno a scapito della libertà degli utenti, ma suppongo abbia regole per la protezione dato utente, come deve essere
    Invece riguardo ad apple, più che imporre regole su internet, le impone un po troppo sui suoi device

    Rispondi

Rispondi