Cinnamon 1.3 rilasciato con tante nuove possibilità di personalizzazione

Cinnamon è sicuramente il Desktop Environment del momento e, da poche ore, è stata rilasciata la versione 1.3 che porta con sé una serie di novità davvero interessanti. Cinnamon 1.3 introduce più opzioni di personalizzazione per i propri utenti, un nuovo look e include ora tutte le caratteristiche di GNOME Tweak Tool: sarà possibile cambiare il tema GTK, il cursore, le icone, le icone del desktop, le impostazioni dei caratteri, l’ordine dei pulsanti delle finestre, modificare il testo dei menu e la sua icona e così via.


Ecco alcuni screenshots:

Altre piccole innovazioni riguardano le componenti che possono essere aggiunte al pannello, ovvero le applet: adesso sarà possibile utilizzare un drag and drop per spostare in qualunque parte del pannello e sarà molto più semplice sostituirle o rimuoverle con altre componenti di terze parti.

Installare Cinnamon su Ubuntu

Se volete installare Cinnamon su Ubuntu, potete utilizzare i PPA dedicati anche se, nel momento in cui vi scrivo, sono fermi alla versione 1.2! Alternativamente potete scegliere la via manuale e quindi scaricare d installare i pacchetti deb di Muffin (richiede dipendenze) e Cinnamon.

via | webupd8

17 Commenti

  1. Giovanni DiSalvatore

    vorrei sapere se su gnome shell è possibile impostare le animazioni delle finestre come fatto con cinnamon. 1.2

    Rispondi
  2. Salvatore Fiore

    Dopo Kde e Gnome 2 questo è il migliore secondo me…

    Rispondi
  3. Aury88

    vorrei fare i miei complimenti al team Mint per questo bellissimo progetto. avevamo cominciato il 2011 aspettando l’evoluzione di gnome  e alla fine la nostra attesa è stata soddisfatta da ben tre progetti diversi: gnome shell unity e adesso cinnamon …XD
    amo l’opensource

    Rispondi
  4. gizmo

    Veramente un buon progetto, ma ancora troppo acerbo da usare per tutti e per tutto quando si tratta di utenze normali, comunque molto essenziale e ben fatto, secondo il mio parere, promette bene.

    Rispondi
    • Pietro Tucci

       in che cosa è acerbo?

      Rispondi
      • gizmo

        Tempo fa ho installato proprio l’1.2, era instabile, frezzava,  crashava, e se si utilizzavano strumenti per la pulizia del sistema come ad esempio bleachbit o Ubuntu.tweak, dopo spariva tutto.
        Anche se devo dire che la prova l’ho effettuata su mint che è già una zozzata, forse ora su un sistema serio come Ubuntu la 1.3 sarà meglio, ma ancora secondo il mio parere è presto per usarla, aspetto che gli sviluppatori migliorino il tutto.
        Comunque è veramente molto essenziale e bello, dopo gnome e kde secondo me è un buon progetto.

        Rispondi
        • Pietro Tucci

           Instabilità freeze e crash io non ne ho mai avuti (per mia fortuna)  anzi  come performance  ram e cpu e più legegro di gnome shell (sempre su mint 12). Se poi bleachbit e ubuntu tweak toccano dove non devono non è colpa di cinnamon, e cmq acneh io li utilizzo e non ho mai avuto problemi.

          Il vantaggio di cinnamon (in mInt 12) è che puoi usarlo configurarlo come vuoi e puoi cmq tornare in gnomeshell con un logout : io coi portatili 12£ col monitor interno uso cinnamon, quando li collego al 24″ entro in gnomeshell

          Rispondi
          • gizmo

            Io invece ho avuto problemi e quindi per me è ancora acerbo.
            La compatibilità con tutti i programmi considerati buoni e stabili sia dalla comunità sia dai repository è fondamentale.
            Comunque per curiosità l’ho install in Ubuntu 11.10 e va meglio, ma è ancora in fase di sviluppo e si vede. 
            Rimane il fatto che ha un potenziale, e che mi piace, ma sempre acerbo rimane.
            Gli ambienti stabili e quindi veramente buoni sono i soliti gnome 2 e kde fino al 5, il resto è beta.

            Rispondi

Rispondi