Mate: fantastico fork di Gnome 2! Installiamolo su Ubuntu

Avete installato Ubuntu 11.10 ma vi manca tanto Gnome 2? Allora forse sarete felici di sapere che potrete installarlo anche su Oneiric. In realtà non vi mostrerò la modalità fallback (che tra l’altro funziona anche male) ma vi parlerò di Mate, un progetto davvero interessante. Mate è un vero e proprio fork di Gnome 2 che ricorda il vecchio ambiente desktop, per anni di default in Ubuntu, in tutto e per tutto: classico menù di sistema e delle applicazioni, pannelli superiori ed inferiori, area di notifica caratteristica di Gnome 2, applet e tanto altro.

L’ho installato e testato su Ubuntu 11.10 in macchina virtuale e posso dirvi che va davvero molto bene!

Installare Mate su Ubuntu

Mate può essere installato su qualsiasi versione di Ubuntu, non solo su Ubuntu 11.10 Oneiric. La prima cosa che dovete fare è però installare git:

sudo apt-get install git

Adesso scaricate Mate:

git clone https://github.com/Perberos/Mate-Desktop-Environment.git

ed installate tutto il necessario per la compilazione:


sudo apt-get install libxml2-dev libxslt1-dev libglib2.0-dev libidl-dev \
libdbus-1-dev libdbus-glib-1-dev libpolkit-backend-1-dev flex libpopt-dev \
bison libbz2-dev libgcrypt11-dev libcanberra-dev libgail-dev libgtk2.0-dev \
libart-2.0-dev libglade2-dev libtasn1-3-bin libxklavier-dev libsoup2.4-dev \
icon-naming-utils libunique-dev libcanberra-gtk-dev libwnck-dev \
librsvg2-dev libpolkit-agent-1-dev gobject-introspection \
libgirepository1.0-dev libupower-glib-dev intltool xsltproc \
libtasn1-3-dev libtool gtk-doc-tools libgamin-dev

Ora compiliamolo:

cd Mate-Desktop-Environment/mate-doc-utils
./configure --prefix=/usr
make
sudo make install

Mate è quasi installato, dovremo solo compilare alcune dipendenze. Fortunatamente alcuni utenti del forum di ubuntu hanno pensato bene di creare dei comodi pacchetti deb che ci faciliteranno l’installazione. Ecco cosa dovete fare: create una cartella e chiamatela, ad esempio, “mate” (io l’ho creata sulla Scrivania) e scaricate da questo indirizzo TUTTI i pacchetti deb. Adesso da terminale digitate:

cd ~/Scrivania/mate/
sudo chmod 777 *.deb
sudo dpkg -i *.deb

Naturalmente in questo esempio ho usato il percorso ~/Scrivania/mate/ perché io ho creato la cartella sulla Scrivania ma se voi avete usato una directory differente, inserite allora nel comando il path giusto.

Loggarsi in Mate

Mate è installato e pronto per l’utilizzo. Adesso non vi resta che entrare nel vostro caro “gnome 2″: uscite dalla sessione corrente e, alla schermata di LightDM (o GDM se usate versioni precedenti ad Oneiric) scegliete “MATE” come ambiente e vi troverete qualcosa di simile:

Incredibile vero? :D

Grazie @Rolandolacanna per il suggerimento!

37 Commenti

  1. Sberla2007

    Per semplificare la cosa basta abilitare Ubuntu al software per mint ed installare mate, come indicato in questo link:
    http://isopenisfree.wordpress.com/2011/11/13/mate-en-ubuntu-11-10-oneiric/
    Dopo questa procedura troverete il software mint anche sull’ usc semplicemente scrivendo “mint” nel campo di ricerca.

    Rispondi
  2. Anonimo

    Molto interessante Mate. Quindi ogni volta che lo voglio aggiornare dovrei scaricarmi tutti i nuovi deb?
    Sarà previsto l’inserimento in qualche repository o mi è sfuggito?

    Rispondi
  3. Emanuele Vicinelli

    Una sola domanda: ma Mate è completamente personalizzabile come lo era gnome 2????

    Rispondi
  4. Tanino Rulez

    dice che ti mancano tre librerie: libxml (versione almeno 2.0), libxsit (almeno 1.1.8). Hai dato il comando che ho indicato per installare tutto il necessario? Hai Ubuntu 11.10 soprattutto?

    Rispondi
  5. Delu

    io ho un problema quando provo a compilare
    configure: error: Package requirements ( libxml-2.0 >= 2.6.12 libxslt    >= 1.1.8 rarian) were not met:No package ‘rarian’ foundConsider adjusting the PKG_CONFIG_PATH environment variable if youinstalled software in a non-standard prefix.Alternatively, you may set the environment variables MATE_DOC_UTILS_CFLAGSand MATE_DOC_UTILS_LIBS to avoid the need to call pkg-config.See the pkg-config man page for more details.

    Rispondi
  6. andrea campolongo

    trovato il login automatico……sudo gedit /etc/lightdm/lightdm.confe poi mettere user-session=mate

    Rispondi
  7. Andrxjoy

    come faccio a rendere predefinito mate all’avvio (utilizzo il login automatico che va ad aprirsi direttamente su unity)?

    Rispondi
  8. Stefano

    Niente da ridire sull’autore dell’articolo che anzi ringrazio per il tutorial e il link per i pacchetti deb ma quando ci si mette a scaricare 1 pacchetto da poco più di 1 Mb e con l’adsl a 7 Mega ti da 12 min. indipendentemente dall’orario di connessione,sinceramente a me passa la voglia…proverò anch’io GGBU.
    Stefano.

    Rispondi
  9. Manfredim

    Per i ” semi-principianti” perchè non scaricate GGBU 4.0 una ottima distro che trovate al link http://www.ggbu.it ? Al logim potrete scegliere Gnome, Gnome Cassic…ecc..ecc…L’articolo è fatto bene ma, non tutti sono dei genietti come voi

    Rispondi
    • Tanino Rulez

      Conosco lo sviluppatore, domani ci sarà un articolo in merito :)

      Rispondi
      • Manfredim

        Si, lo conosco anch’io ma per via telematica e ci sentiamo spesso .La sua distro basata su Ubuntu 11.10 l’ho trovata stabile e completissima di tutto.Basta dare un occhiata ai Preferiti di FF per rilevare quante cose possono venirci in aiuto per coloro che da poco tempo si sono affacciate a Linux

        Rispondi
  10. ubuntu

    Non lo conoscevo veramente ben fatto sembra!

    Rispondi
  11. Simone Sorrentino

    sarebbe meglio passare a xubuntu… ma poi GNOME è pesantissimo da installarlo… preferisco sicuramente quello di UBUNTU 11.10

    Rispondi
  12. Rolandolacanna

    Grandissimi…..anche io l ho provato ieri e lo trovo super..
    complimenti anche per la guida così possono provarlo tutti

    Rispondi
  13. Tanino Rulez

    nono in ogni cartella basta che entri nella sottocartella distro/ubuntu e lanci ./build
    Io però ho riscosso molti problemi con delle dipendenze facendo in questo modo, ecco perché alla fine ho optato per il deb.

    I pacchetti a 64 bit saranno pronti a giorni credo (e spero :D)

    Rispondi
    • Arturo Rinaldi

      ok ho scoperto come fare…..in ogni caso devo installare mate-doc-utils col metodo tradizionale e poi fare i pacchetti. in caso per i 64 bit me  li posso fare pure io :D.

      Prima di installare i pacchetti devo fare il

      sudo make uninstall

      in mate-doc-utils ?

      Rispondi
      • Tanino Rulez

        Nono basta che entri in ogni cartella (i nomi delle cartelle le vedi dal forum, sono in ordine) e digiti:

        ./build

        in ogni sottocartella /distro/ubuntu

        Rispondi
  14. andrea campolongo

    ma quanto è lento il sito coi pacchetti deb???

    Rispondi
  15. Andrea Marchetto

    Per quel che riguarda le dipendenze, ho visto che nel sito che hai segnalato esiste anche una cartella relativa ai 64bit. (http://matsusoft.com.ar/repository/ubuntu/mate/amd64/ ) Chi, come me, ha il sistema a 64bit, deve scaricare quello che sta in quella cartella, o entrambi, o non c’entra nulla?

    Rispondi
    • Tanino Rulez

      I pacchetti a 64bit sono attualmente in costruzione.. alternativamente dovresti compilarti tutto tu a mano (se vuoi ti dico come si fa xD)

      Rispondi
  16. Alessandro L

    Ta, volevo sapere se mate integra anche la gestione del sistema di g2 o soltanto l’interfaccia..

    Rispondi
  17. fabiogiu

    Vi invito ad installarlo,anche se non lo userete,merita molto

    Rispondi
  18. Arturo Rinaldi

    scusami ricapitoliamo….se ho capito bene anche leggendo la pagina del 3ad sul forum di ubuntu dopo avere scaricato da git e soddisfatto le dipendenze, o entro in ogni cartella e compilo ogni modulo con

    ./configure
    make
    makeinstall

    oppure navigo nella cartella /distro/ubuntu di ogni modulo e faccio il deb di ognuno da installare giusto ? in ogni caso penso i pacchetti linkati potrebbero andare bene solo per oneiric e non per un altra distro….dipende con cosa sono stati compilati…..

    …..vedo pure l’assenza della versione a 64 bit, ma avendo una distro a 64bit si fanno subito a quanto pare :D

    Rispondi
  19. Ihg654-tesla

    Tanto vale passare a Xubuntu

    Rispondi

Rispondi