Ubuntu e Linux Mint: ecco le differenze più evidenti

Leggevo un interessantissimo articolo su HowToGeek, forse uno dei più imparziali che abbia mai letto sull’argomento Linux Ubuntu versus Linux Mint. E’ per questo che ho deciso di non aggiungere altro e di tradurvelo così come è! Ovviamente, poi, mi farebbe piacere sapere la vostra preferenza e… il perchè di questa! Mi raccomando, commentate numerosi!

Quale è la differenza tra Ubuntu e Linux Mint?

Ubuntu e Linux Mint sono due delle più popolari distribuzioni Linux per ambienti desktop del momento. Se state cercando di immergervi nel mondo Linux – o avete già utilizzato Ubuntu oppure Mint – vi starete chiedendo in cosa sono differenti.

Linux Mint e Ubuntu sono strettamente collegate – Mint è basata su Ubuntu. Nonostante all’inizio fossero molto simili, Ubuntu e Linux Mint sono diventate con il passare del tempo due distribuzioni Linux diverse, con filosofie differenti.

La storia

Ubuntu e le altre distribuzioni Linux contengono software open-source, così da permettere a chiunque di modificarle e di rilasciare le proprie versioni. La prima versione stabile di Linux Mint, “Barbara”, fu rilasciata nel 2006. Barbara era un sistema Ubuntu leggermente personalizzato, con un tema differente e con qualche differenza anche nel software di default. La cosa che differiva maggiormente era l’inclusione di software proprietario, come Flash e Java, oltre che ai codecs coperti da brevetto per la riproduzione di MP3 e altri tipi di contenuti multimediali. Questo software è incluso nei repository di Ubuntu, ma non è incluso nel disco di Ubuntu. Molti utenti hanno gradito Mint per il fatto che installasse tutto di default, in contrapposizione all’approccio più idealistico di Ubuntu.

Col passare del tempo, Mint ha finito per differenziarsi ancora di più da Ubuntu, personalizzando il desktop, includendo un menu principale personalizzato e dei tools di configurazione proprietari. Mint è comunque basato su Ubuntu – fatta eccezione per Mint “Debian Edition”, basata su Debian (lo stesso Ubuntu è basato su Debian).

Con il lancio del desktop Unity da parte di Ubuntu, Mint ha spiccato ulteriormente il volo. Anzichè integrare il desktop Unity all’interno di Mint, gli sviluppatori hanno ascoltato i propri utenti ed hanno intravisto la possibilità di fornire un’esperienza desktop diversa da quella di Ubuntu.

Il Desktop

Ubuntu include il desktop Unity, anche se è possibile installare una grande varietà di ambienti desktop addizionali dai repository di Ubuntu e dai PPA di terze parti.

L’ultima release di Mint arriva in due versioni, ciascuna con un desktop differente: Cinnamon e MATE. Cinnamon è un desktop che mira al futuro, basato su nuove tecnologie, senza però rifiutarne gli elementi standard – ad esempio, Cinnamon ha una taskbar ed un applications menu che non occupa interamente lo schermo.

MATE è un fork del vecchio desktop GNOME 2 utilizzato precedentemente da Ubuntu e Linux Mint, e funziona in maniera del tutto simile. Utilizza un menu personalizzato per MATE.

Avrete sicuramente notato che Mint ha uno schema di colori più chiaro, e che i tasti delle finestre sono a destra dello schermo, invece che essere a sinistra (come succede in Ubuntu).

La preferenza del desktop è del tutto personale. Unity di Ubuntu è più stonatoper gli utenti dei vecchi ambienti desktop Linux, mentre per gli ambienti desktop di Mint il cambiamento è stato decisamente meno drastico. Tuttavia, alcune persone preferiscono Unity, in qualche modo migliorato nelle versioni recenti.

Software proprietario e codecs

Mint include tutt’ora software proprietario (come Flash) e codecs pronti all’uso, ma questa è diventata una differenza meno significativa rispetto al passato. Nelle ultime versioni di Ubuntu è possibile spuntare una checkbox all’interno della procedura d’installazione per far si che il sistema prelevi ed installi i software ed i codecs necessari, senza bisogno di ulteriore lavoro.

Configurazione

In questi giorni, Mint sembra offrire più tools di configurazione preinstallati rispetto ad Ubuntu. Mentre il desktop Unity preinstallato con Ubuntu include soltanto poche opzioni nell’ultima versione del sistema operativo, esiste un’applicazione completa (ma non preinstallata) per la configurazione del desktop Unity.

L’ultima versione di Mint, “Maya“, include il display manager MDM, che è basato sul vecchio Display Manager GNOME. Mentre Ubuntu non include nessun tool di configurazione per la schermata di login, Mint arriva con un pannello amministrativo in grado di personalizzare la schermata di login.

Mentre Ubuntu ha ancora le sembianze di un sistema Linux e, quindi, configurabile in profondità, alcune parti del software di Ubuntu sono poco configurabili. Ad esempio, il desktop Unity ha poche opzioni.

Le ultime versioni di Ubuntu rappresentano un taglio col passato, passato in cui il sistema veniva fornito con ambienti desktop tradizionali e una vasta gamma di opzioni di configurazione. Mint, invece, rispetta la tradizione, e sembra essere più familiare.

E voi.. quale preferite? Su, ditecelo!


Non dimenticarti di visitare lo shop ufficiale di Chimera Revo: abbiamo dei prezzi stracciati!


  • Achille

    Ho provato prima Ubuntu e poi Linux Mint. Sicuramente preferisco Linux Mint: il desktop è più familiare e più facile da usare, ha già tutto preinstallato,e soprattutto è più stabile a causa della diversa politica degli aggiornamenti. Con Ubuntu a volte dopo aver fatto degli aggiornamenti, c’è qualcosa che non funziona, in alcuni casi ho dovuto addirittura reinstallare tutto. In Linux Mint si può scegliere il livello di “pericolosità” degli aggiornamenti, e non ho avuto problemi simili ad Ubuntu.

  • Accio

    Mi sa che hai ripetuto 2 volte Ubuntu nell’ppenultimo capoverso!

  • cyberZ

    Dubito che lascero la mia adorata Slack che uso fedelmente dal ’95, stavo per cedere a FreeBSD ma poi ho mantenuto la slack.
    Comunque, sono felice che il kernel Linux stia ispirando sempre piu’ varianti diverse di sistemi operativi.

  • Marcobrasile72

    meglio ubuntu 12.04 con gnome shell

  • Joshua Dunamis

    Ma che avrà di tanto mostruoso Unity? E’ incredibile! Sarà che vivo GNU/Linux da fine 2002 e ne ho viste di continue evoluzioni nel campo Desktop. Sarà che amo ancora molto la shell pura. Sarà che ho usato Debian, in cui era (è) possibile scegliere durante l’installazione quale (quali) DE installare, come Mandrake con cui la mia avventura ebbe inzio. Sarà che in questi casi noti subito l’enorme parco di DE e WM con cui interagire graficamente col Sistema oltre che avviare i programmi (ormai la maggior parte) specificamente scritti per girare sotto X, il server grafico. Sarà quel che sarà, quel che è certo è che i SO maggiormente concorrenti (Windows e MacIOS) offrono una unica interfaccia grafica utente. Il fatto è che per la maggior parte degli utenti PC, l’interfaccia grafica di Windows costituisce il “concetto” stesso di interfaccia grafica, ossia credono sia l’unica possibile. Poi magari passano ad Ubuntu che con Unity si distacca molto dallo “standard” (standard perché? appunto perchè “assomiglia a Windows), lo standard del menù “start” e sottomenù di applicazioni. E si trovano spaesati ed impauriti! Questo perchè ultimamente si passa a Linux senza una minima concezione del SO stesso e con la stessa mentalità “pappa pronta” con cui Microsoft ha allatato milioni di utenti. Senza cadere nelle polemiche da purista e apprezzando il lavoro che Ubuntu ha svolto dall’inizio per rendere immediato l’utilizzo del SO GNU/Linux, il rischio è di abbassare il livello di competenza dell’utente a tal punto da renderlo pigro e non curante di come funziona il proprio PC, insomma la diffusione di GNU/Linux in modalità immediata che è sicuramente utile sul piano della immediata produttività e usabilità, rischia di annullare lo scopo stesso di GNU/Linux che è nella sua essenza: rendere l’utente il vero padrone del proprio PC.

  • http://www.facebook.com/people/Sebastian-Nicolò/1482834474 Sebastian Nicolò

    ho provato ubuntu 12 e mint 13..alla fine ho deviato su xubuntu :D

  • Attix

    Provati entrambi in tutte e due le esizioni (unity/gnome classic) (cinnamon/mate).
    Posto che la fluidita’ dipende essenzialmente dall’hardware,e’ quindi inutile decantare o criticare l’uno o l’altro,visto che se uno ha un quad-core con 8gb di ram e una scheda video totalmente supportata,penso non abbia problemi di fluidita’.
    Quello che valuto e’ l’impatto e la facilita’ d’utilizzo (naturalmente opinabile,in quanto soggettiva).Da questo punto di vista meglio cinnamon che unity:il primo molto piu’ intuitivo e veloce nel trovare ed utilizzare programmi e finestre.
    Fra gnome classic e mate,direi un filino meglio mate.
    Tirando le somme,come impatto ed usabilita’ ho scelto Linux MInt,anche se ci sono troppi programmi che sono andato velocemente a disinstallare.

    • Ivan De Felice

       Io ho 16 GB di DDR3 ma un Dualcore e S.Video con 2 GB DDR3,concordo pienamente sul lato hardware…programmi ovviamente uno mette ciò preferisce,qualcosina leverò infatti anche io…Ma trovo uniche cose in cui pecca sempre Mint Install  che ancora si blocca mentre cerchi fra i software da istallare e Mint Update che non carica piu in avvio dopo l’istallazione di Remastersys …per il resto uso la 64 con Cinnamon e lo trovo molto buono….Ovvio è fresco e deve crescere e programmi devono adattarsi ad esso….

  • Orazio Sciuto

    Sicuramente posso dire dopo aver provato entrambe le versioni, che sia ubuntu che mint hanno dei bug, il primo sicuramente dovuti a compiz che da sempre a dato non pochi problemi anche col vecchio gnome, l’altro come progetto è ancora molto acerbo ricordo a chi non lo sapesse che la prima versione risale a circa sei mesi addietro, penso che tutti i problemi si risolveranno solo quando Wayland sostituirà il buon vecchio e rodato X server. A dimenticavo al momento KDE credo che sia il migliore e più stabile Desktop Environment disponibile. FORZA LINUX!! o meglio dire come Stallman GNU/Linux.

    • Ivan De Felice

      A perchè Unity non’è acerba HA,HA,HA……KDE ha problemi con molte schede audio che non vede correttamente e da poca configurabilità…..non so se ora poi sia migliorato!! e  comunque non’è certo veloce e leggero come altri!!!!

  • http://twitter.com/woddy68 coppa carlo

    Secondo me Ubuntu con la sua Unity è fantastica, l’ultima versione è veloce precisa è stabile a differenza di Mint che ho provato ma risulta scattoso e abbastanza inusabile oltre a volere assomigliare a tutti i costi a windows. Quindi Ubuntu-Unity tutta la vita non c’è paragone !

    • scemo

      analfabeta

  • Luca Corsilli

    Preferisco Mint perchè sul mio netbook Unity scatta che è una meraviglia… poi mi piace  la funzione “apri qui il terminale” che risulta molto utile in diverse situazioni (anche se si Ubuntu basta configurarla)

  • Idilliacman

    Secondo me Mint ha un difetto che per i neofiti può dare non poco fastidio. Vi siete sicuramente accorti che per certi aggiornamenti viene visualizzata una schermata che chiede all’utente se vuole sovrascrivere un file di configurazione con una versione più aggiornata o mantenere quella già installata. Molti utenti decidono di sovrascrivere inconsapevoli che così si andranno a perdere le configurazioni di default e ci si troverà ad avere un sistema incoerente.

    • Ivan De Felice

      Vero….a chi non sene intende quello puo incasinare…ma guarda stessa cosa fa Ubuntu quando aggiorna Grub comunque…..

  • Tago3way

    Ubuntu sta innovando e sembra che questo non vada bene, se windows fosse rimasta hai sistemi 95 – 98 forse non sarebbe il più utilizzato sistema operativo al mondo (e forse sarebbe meglio!!!), comunque ognuno sceglie quello che vuole, questo è il pensiero alla base di linux, ma è inutile criticare con argomenti non reali (unity è lento e pieno di bug; è lento se lo usi con un programma 101 e quali sarebbero i bug, come se cinnamon non ne avesse un applet su tre non funziona a dovere, testato su linux mint 12 cinnamon 1.4), queste non sono critiche perchè come già detto ognuno usa quello che vuole, ma basta criticare!

    • Ivan De Felice

      Sarà peccato io arrivo da Unity e c’è una bella differenza….dopo certo uno usa ciò che vuole….Che scoperta Mint non vanno alcuni appet certo 1.4 è appena uscito….Se Unity è stata schivata da tutti c’è piu di un perchè ….e se non vedi Bug leggi un po forum Ubuntu visto ne è pieno zeppo e da un infinità d’errori ad istallare programmi….Non’è per criticare,ma distribuzioni andrebbero rilasciate quando realmente pronte….Ubuntu non lo è mai e non avvicina certo nuovi utenti a linux cosi,anzi li scoraggia prima del tempo!!!! 

  • Ivan De Felice

    Bè dopo aver voluto provare appositamente Ubuntu a 32 bit intanto attendevo l’arrivo di Maya che ho installato a 64…posso proprio dirti che Maya è stupendo ed essendo LTS anch’esso ancora meglio…Le differenza sono sicuramente nella splendida leggerezza di Cinnamon che è velocissimo …molto piu di Unity (anche a 32) è piu completo nei menu e nelle opzioni e indubbiamente meno predefiniti…Gwibber lo ritengo superfluo ad esempio con tutte le estensioni ottime circolino per i Browser,oltre al fatto di non essere un granchè…Dropbox idem meglio estensioni che averlo in caricamento in avvio….e devo dire a 64 è ottimo e si comporta benissimo con ultimi driver Nvidia….Gestore applicazioni,ancora migliorabile….basta istallare Ubuntu Software Center…e comunque noto quello di Mint sempre piu ricco di aggiunte che sto spulciando….A mio avviso e dai pareri comunicati sembra essere quello avvicini di piu utenti di Windows a linux…ed è per quello lo pubblicizzo molto,inutile dire nella comodità d’uso è molto meglio di unity e non presenta tutti i suoi bug….E con youtube va benone senza Bug blu….Usa Mint Flash Plugin 11.0.1.152 ma credo proprio questo sia open,almeno in genere utilizza anche java open….Comunque va sicuramente seguito,a mio parere crescerà sempre meglio!!!!!!