ImageSense di HTC Sense 4 migliora le performance della fotocamera

htc_sense_4_imagesense_fotocamera_smartphone

Gli smartphone HTC si sono sempre contraddistinti per hardware di prima qualità ed il design accattivante; la parte dove invece le pecche si sono dimostrate più evidenti riguarda il settore della fotocamera, che solitamente non è una componente molto curata dalla casa asiatica. Sebbene questo difetto sia in qualche modo stato rimediato con modelli quali HTC Sensation 4G, in generale, HTC non può vantare alcun prodotto di punta con fotocamere dalle prestazioni di primo piano.

Sembra tuttavia che una soluzione sia già arrivata: in occasione del lancio della serie ONE, presentata al MWC 2012 di Barcellona, HTC ha voluto sottolineare due aspetti su tutti: il nuovo sistema di audio digitale (tecnologia Beats Audio) e il nuovo comparto fotografico.

Da quanto visto in occasione del Mobile World Congress, finalmente HTC ha voluto concentrarsi soprattutto su questo attributo. Come parte della nuova interfaccia utente Sense 4, ImageSense è la nuova caratteristica software dedicata alla parte multimediale che può fare la differenza con i competitor. Eccone le fotocamere:

  • Scatto super-veloce: la fotocamera da 8 Megapixel di HTC One X può riprendere una scena in 0.7 secondi, con la messa a fuoco automatica che prende solamente 0.2 secondi;
  • Migliore qualità in condizioni di scarsa luce: gli smartphone HTC One sono in grado di catturare maggiore luce rispetto agli altri smartphone, consentendo di ottenere una ottima qualità in condizioni di scarsa illuminazione, anche grazie al flash single-LED Smart Flash per il quale si può regolare su cinque livelli di luminosità.
  • Capacità di registrare video e scatto immagine: è possibile scattare foto in alta definizione mentre viene registrato un video in HD, senza interrompere la sessione.

Inoltre, le immagini ed i video ottenuti tramite smartphone HTC possono essere caricati su Dropbox che, per i clienti HTC, offre ben 25 GB di spazio a disposizione per i propri dati, come risultato da accordi tra la compagnia taiwanese e Dropbox. HTC ha quindi voluto voltare pagina investendo, oltre che in sensori, anche in termini di tecnologia per facilitare l’uso delle periferiche messe a disposizione dell’utente.

Rispondi