Come accedere a Google Drive su Linux

Purtroppo Google non permette di utilizzare il suo servizio di cloud storage su Linux. Per questo, gli utenti hanno bisogno di sfruttare una soluzione alternativa oltre alla classica applicazione Web. In questo nuovo tutorial di oggi, dunque, vi spiegheremo come accedere a Google Drive su Linux utilizzando un software gratuito chiamato Open Drive.

Open Drive: cos’è

Per chi non lo conoscesse, Open Drive è una delle migliori applicazioni gratuite presenti sulla piazza che permettono di accedere alla piattaforma di cloud storage del colosso di Mountain View usufruendo di un’interfaccia molto semplice ed intuitiva. Naturalmente, come potete ben immaginare, per poter utilizzare il software è necessario disporre di un account Google. Se non ne possedete uno, potete crearlo tramite la pagina dedicata presente sul sito ufficiale.

Come installare Open Drive su Linux

Ufficialmente, Open Drive è disponibile per Ubuntu e Debian tramite pacchetto DEB e Fedora e OpenSUSE tramite quello RPM. Tuttavia, il programma può essere installato sulle altre distribuzioni Linux attraverso il pacchetto Snap oppure il file AppImage. Di seguito, trovate le istruzioni da seguire in base alla distro installata sullcomputer.

Ubuntu/Debian

Per ottenere il pacchetto DEB del software, aprite il terminale e spostatevi nella cartella tmp attraverso il comando cd /tmp. Nel passaggio successivo, utilizzate lo strumento Wget per scaricare l’ultima versione di Open Drive: wget https://github.com/liberodark/ODrive/releases/download/0.2.2/odrive_0.2.2_amd64.deb.

Al momento della pubblicazione di questo articolo, l’ultima release disponibile è la 0.2.2. Tuttavia, vi consigliamo di prendere come riferimento la pagina ufficiale presente su GitHub e copiare l’indirizzo del pacchetto DEB dell’ultima versione identificabile attraverso il badge Latest release (i link sono presenti nella sezione Assets).

Una volta scaricato correttamente il pacchetto all’interno della cartella tmp, usate dpkg per installare Open Drive sul vostro PC Ubuntu/Debian eseguendo il comando

Articolo successivo