brani riconosciuti da Siri

Eliminare la cronologia di Siri su iPhone

Siri, come del resto anche Google Assistant e Alexa, risulta uno dei motivi per cui gli utenti non riescono ad essere completamente tranquilli durante l’utilizzo di iPhone o di un qualsiasi altro dispositivo dell’azienda di Cupertino. Avrete certamente sentito parlare delle “registrazioni” effettuate dagli assistenti vocali, le quali risultano sicuramente motivo di preoccupazione per quanto riguarda la propria privacy. Per questo motivo Apple ha deciso, con il rilascio di iOS 13.2.2, di aggiungere la possibilità di rimuovere la cronologia delle richieste effettuate a Siri direttamente dalle impostazioni di iPhone, iPad e iPod Touch. Vediamo subito come fare.

Rimuovere la cronologia di Siri su iPhone e iPad

Proprio come anticipato, per rimuovere le registrazioni effettuate da Siri durante il classico utilizzo, sarà necessario possedere almeno la versione 13.2.2 di iOS, e per questo motivo vi invitiamo a verificarne la presenza dalle impostazioni di sistema. In ogni caso, il nostro consiglio è quello di aggiornare costantemente il dispositivo in possesso, in modo da evitare eventuali problemi ed essere sicuri della riuscita dell’operazione.

  • Aprire l’applicazione “Impostazioni” su iPhone, iPad o iPod Touch con iOS 13.2.2 o versioni successive
  • Continuare con “Siri e ricerca”
  • Cliccare su “Cronologia di Siri e Dettatura”
  • Rimuovere il tutto con “Elimina la cronologia di Siri e Dettatura”

Eliminare la cronologia di Siri su iPhone

Proprio come descritto dalla stessa opzione, le registrazioni potrebbero derivare anche dalla dettatura vocale che in genere viene utilizzata dopo aver cliccato sull’icona del microfono presente nella tastiera di sistema. Eliminando la suddetta cronologia però, verranno rimossi anche i dati provenienti da tale metodo di input.

Dubbi o problemi? Ti aiutiamo noi

Se vuoi rimanere sempre aggiornato, iscriviti al nostro canale Telegram e seguici su Instagram. Se vuoi ricevere supporto per qualsiasi dubbio o problema, iscriviti alla nostra community Facebook.

Altri articoli utili

Articolo successivo