vpn gratis android

Protocolli di sicurezza VPN: PPTP, SSTP, IKEv2, L2TP/IPsec e OpenVPN

Volete usare una VPN ma non sapete quale protocollo utilizzare? Non siete sicuri di cosa siano e quali siano i migliori da usare? Bene, in questa guida chiariremo ogni dubbio!

Quando si decide di acquistare una VPN spesso ci sia affida all’enfasi e alla sicurezza con cui vengono descritte da siti web di vario genere. Abbiamo, in altri articoli, trattato delle migliori VPN come NordVPN, PureVPN, IPVanish e SurfShark, senza però addentrarci nell’importanza dei protocolli. È difficile capire a pieno il significato e l’importanza dei protocolli di sicurezza. Imparare a distinguerli significa anche riconoscere la VPN più sicura o adatta alla circostanza. Vediamo quindi tutti i protocolli di sicurezza VPN: PPTP, SSTP, IKEv2, L2TP/IPsec e OpenVPN.

Indice

PPTP

Sviluppato da Microsoft nel lontano 1999, è il più utilizzato ma anche il meno sicuro. Nonostante utilizzi una chiave di cifratura a 128 bit non è inattaccabile. Nel tempo un’ampia community di esperti informatici è riuscita a scovare delle falle. La stessa azienda ideatrice, già dal 2012, ha quindi sconsigliato l’utilizzo del Point-to-Point Tunneling Protocol.

SSTP

È il primogenito del PPTP. Il protocollo SSTP (Secure Socket Tunneling Protocol) si piazza in ottima posizione nella classifica dei protocolli più sicuri. Sviluppato da Microsoft e basato su SSL v3, non ha problemi con il firewall NAT e non soffre di alcuna vulnerabilità, almeno per il momento. Con questo protocollo la nostra identità sarà sicuramente al sicuro, ma passati sospetti di contatti con l’NSA non lo rendono totalmente affidabile per operazioni di un certo calibro.

IKEv2

È un protocollo frutto del genio di Microsoft e Cisco. Sta per Internet Key Exchange Version 2 ed è possibile considerarlo l’evoluzione di IPsec. È facilmente configurabile e privo di vulnerabilità ed è così adatto agli utenti meno esperti che probabilmente lo troveranno come predefinito sul servizio VPN. Probabilmente soffre di un solo difetto, la porta UDP 500 facilmente bloccabile.

L2TP/IPsec

Si tratta di un ibrido. L2TP e IPsec lavorano in simbiosi per garantire un’ottima sicurezza a scapito però della velocità compromessa leggermente dall’incapsulamento. Il primo sta per

Articolo successivo

Tag