Come sbloccare bootloader Xiaomi

In quattro semplici passaggi vi spieghiamo come sbloccare bootloader Xiaomi del vostro smartphone per poter flashare la ROM che preferite!

Gli smartphone di Xiaomi, come la maggior parte dei dispositivi Android, soffre di un problema che a molti utenti potrebbe effettivamente dar fastidio: la frammentazione. Inutile infatti parlare di funzionalità assenti, in quanto la MIUI è probabilmente l’interfaccia più ricca di opzioni, ma nel caso in cui si volesse ottenere ancora di più ed eliminare la suddetta frammentazione installando le ROM non ufficiali, ma allo stesso tempo più aggiornate, bisognerà necessariamente sbloccare il bootloader. Per questo motivo, oggi andremo proprio a vedere in che modo farlo nel modo più semplice e rapido possibile.

Prima di iniziare

Come in quasi tutte le operazioni di questo tipo, bisognerà eseguire delle azioni preliminari per preparare effettivamente il dispositivo alla modifica.

Creare un account Xiaomi

Per sbloccare il bootloader di qualsiasi smartphone Xiaomi sarà necessario possedere un account delle stessa azienda. Nel caso in cui ne abbiate già uno, questo potrà essere utilizzato senza alcun problema o limitazione, altrimenti bisognerà crearlo accedendo al sito web ufficiale, inserendo le proprie credenziali e creando una password solida cliccando su questo link. L’unica accortezza da avere riguarda il “Paese/Regione”, che dovrà essere ovviamente “Italy” (anche se già in possesso di un account).

Come sbloccare bootloader Xiaomi 1

Impostare le opzioni sviluppatore

Seconda operazione da completare prima di iniziare con lo sblocco: attivare e modificare le “Opzioni sviluppatore”.

  • Aprire l’app “Impostazioni” sullo smartphone Xiaomi da sbloccare
  • Continuare con “Info sul telefono”
  • Cliccare più volte velocemente su
Articolo successivo