Recensione Canon G5 X Mark II: la nuova compatta guardastelle

Con l’introduzione di sensori sempre più all’avanguardia e di algoritmi mirati, il mondo degli smartphone ha cambiato radicalmente quello che è sempre stato il concetto di fotografia. La possibilità di avere nelle proprie tasche un dispositivo che sappia scattare bene e che permetta di condividere all’istante i propri contenuti ha allontanato non pochi utenti dalle più complesse fotocamere digitali, limitandole ad un utilizzo più esperto come può esserlo quello di un appassionato o di un professionista. E se vi dicessi gli smartphone non sono gli unici dispositivi con cui scattare quando si ha poco spazio a disposizione? E se vi dicessi che il mondo delle compatte è ancora in rapida proliferazione? In questa recensione vi parlerò di Canon EOS G5 X Mark II, la nuova fotocamera compatta dell’azienda pensata per un gran numero di utenti che, grazie all’ottimo sensore da 20 MP e alle più recenti tecnologie di casa Canon, sbeffeggia gli smartphone top di gamma con una qualità dell’immagine nettamente superiore.

Scheda tecnica

In fase di progettazione Canon ha stravolto la sua idea di compatta travel zoom a favore di un dispositivo compatto, influenzato dalle DSLR per le prestazioni e non più per l’aspetto. Allo stesso tempo la decisione di alzare l’asticella della qualità introducendo caratteristiche tecniche di fascia alta, con un conseguente

Vote Finale 8.5/10
Articolo successivo